fulvio artiano

violinista

 
 


nato nel 1973, ha studiato a Napoli con il M° Angelo Gaudino, diplomandosi a ventun’ anni con il massimo dei voti e la lode. Successivamente, in seguito ad una borsa di studio assegnatagli per meriti artistici dal Ministero per gli Affari Esteri, si è perfezionato in violino presso l’ Accademia Superiore delle Arti Esecutive di Praga (Repubblica Ceca) nella classe del Prof. Ivan Straus ed in Musica da Camera presso l’ Accademia Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola nella classe del M° Piernarciso Masi.


Già all’età di sedici anni incideva su Compact Disc edito dalla Sterling Editions “Introduzione ed Allegro” di Goffredo Petrassi nell’ambito della rassegna “Talenti Emergenti Italiani” ricevendo lusinghieri complimenti dallo stesso autore. Sin da giovanissimo si è dedicato sia alla carriera didattica che a quella concertistica riscuotendo consensi sia in Italia che all’estero.


Nell’ Ottobre 2011, ha pubblicato con il Trio Artelli, per l’etichetta discografica italiana “Stradivarius”, un’incisione delle “4 Estaciones Porteñas” di Astor Piazzolla dedicandosi ad una interpretazione “classica” di un repertorio di confine tra la musica colta e la musica popolare. Questo lavoro discografico, oggetto di numerose recensioni ed apprezzamenti che ne valorizzano i contenuti esecutivi,  è stato presentato con eccezionale consenso di pubblico e di critica nel Novembre 2011, presso la Laeiszhalle dell’ Hamburger Symphoniker, nel Gennaio 2012 a RAI Radio 3 e, successivamente, a Radio Brema (Radiobremen.de).


Unitamente agli studi musicali ha compiuto studi umanistici laureandosi in filosofia presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” con il massimo dei voti, la lode ed una speciale menzione di merito conferitagli per la discussione di una tesi sulla filosofia della musica di Ernst Bloch.


Vincitore dei concorsi nazionali per l’insegnamento della Didattica della Musica e della Musica da Camera, dal 1994 insegna stabilmente presso i Conservatori Statali di Musica italiani ed è attualmente titolare della cattedra di Musica da Camera al Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno.


Nel Settembre 2014, è stato nominato dal Ministro dei beni e delle attività culturali  membro della Consulta nazionale per i problemi dello spettacolo.


Dal Maggio 2015, è iscritto nell’albo degli Esperti di Valutazione per l’Alta Formazione Artistica e Musicale presso L’Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR).


Nell' Aprile 2016, é stato nominato componente tecnico del tavolo di lavoro "Cultura Umanistica" costituito presso il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca per l'attuazione della delega di cui all'art. 1 comma 81 lettera g) della legge 107/2015 sulla "Promozione e diffusione della cultura umanistica, valorizzazione del patrimonio e della produzione culturali, musicali, teatrali, coreutici e cinematografici e sostegno della creatività connessa alla sfera estetica".


Dal Giugno 2016, è Esperto di valutazione Esterno per il finanziamento di attività culturali e creative presso la Direzione Generale Cultura della Regione Lazio.


Dal Novembre 2016, è membro del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno, in qualità di rappresentante dei docenti.


Il 4 Luglio 2017, ha organizzato, in collaborazione tra Unione Artisti Unams e Coordinamento nazionale Tfa, un Convegno presso la Camera dei Deputati, Sala Salvadori, sul tema “L’armonizzazione del curricolo musicale in Italia, Decreto Legislativo n. 60/2017 e nuove prospettive”; il Convegno ha ottenuto l’alto patrocinio della Camera dei Deputati.


Successivamente, è stato convocato, in qualità di esperto, al tavolo tecnico-politico istituito dai referenti delle Commissioni parlamentari Cultura, Scienza e Istruzione per la stesura del Decreto Ministeriale di cui all’art. 15 del d.lgs 60/17.


Nell’ Ottobre 2017, in qualità di esperto, è stato nominato dal Capo dell’Ufficio Legislativo del Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, sentito il Capo di Gabinetto, componente del gruppo di lavoro operativo sull’Alta Formazione Artistica e Musicale per l’istruttoria di tutti i provvedimenti legislativi inerenti l’attuazione della legge 509/99, con particolare riferimento ai regolamenti di cui all’art. 2 comma 7.


Fulvio Artiano suona un Gaetano Sgarabotto del 1948 ed un Giancarlo Guicciardi del 2004.

note biografiche